VITTORIO VENETO. Domani per i vittoriesi il Vax Day sarà a Godega di Sant’Urbano

28

«Vaccinatevi tutti, è importante! La vaccinazione è la sola arma di cui disponiamo per combattere il Covid e per lasciarci alle spalle la pandemia». Il sindaco di Vittorio Veneto, Antonio Miatto, invita i cittadini delle categorie considerate «a rischio» ad approfittare del prossimo «Vax Day» in programma sabato 17 aprile. Il centro vaccinale al quale dovranno fare riferimento i residenti nel vittoriese è quello di Godeva Sant’Urbano, dove tutti i nati nel 1941 e negli anni precedentiche non sono ancora stati vaccinati, potranno ricevere la prima dose di vaccino in base al mese di nascita e senza bisogno di prenotazione.

L’orario di accesso alle sedi vaccinali, come abbiamo premesso, dipende dal mese di nascita. Dalle 8 alle 9, potranno essere vaccinati tutti i nati a gennaio del 1941 e negli anni precedenti, dalle 9 alle 10 saranno vaccinati i nati a febbraio e così via fino alle 19, quando a ricevere la vaccinazione saranno i nati a dicembre 1941 e negli anni precedenti. I coniugi entrambi ottantenni potranno recarsi insieme al Centro Vaccinale e insieme riceveranno l’iniezione anche se nati in mesi diversi. Rispetto ai precedenti appuntamenti, gli accompagnatori over 65 non potranno essere vaccinati

I Servizi Sociali del Comune di Vittorio Veneto stanno contattando le persone conosciute per invitarle a farsi inoculare il vaccino. Si raccomanda a tutti di presentarsi al Punto Vaccinale nell’orario previsto portando con sé la seguente documentazione:

  • obbligatoriamente la tessera sanitaria magnetica (tessera azzurra); 

  • elenco dei farmaci assunti;

  • modulo per l’acquisizione del consenso compilato e firmato

  • scheda di anamnesi compilata (se possibile).

Il modulo per l’acquisizione del consenso e la scheda di anamnesi sono scaricabili al linkhttps://www.aulss2.veneto.it/vaccinazione-anticovid. La presentazione della scheda anamnestica compilata serve a rendere disponibili al medico tutte le informazioni necessarie e a velocizzare le operazioni di accoglienza. Nel week end prenderanno avvio anche le vaccinazioni a domicilio sempre per le persone di età pari o superioreagli 80 anni non deambulanti.