CA’ FONCELLO. Bimbo inala pezzi di mandorla. Salvato da un’eéqwuipe multispecialistica

13

Un bimbo di un anno e mezzo ha rischiato gravi conseguenze per aver “inalato” una mandorla, anziché ingerirla normalmente. A salvarlo un’équipe multispecialistica del Ca’ Foncello che, con un intervento sicuramente non “routinario” durato ben sei ore, ha estratto ben quattordici frammenti dai suoi polmoni.
Il fatto è accaduto nei giorni scorsi. Il piccolo, un bellissimo bimbo di 18 mesi, stava mangiando una mandorla ma, dopo averla masticata, ne ha accidentalmente “inalato” numerosi frammenti, che si sono sparsi nei polmoni. Il bambino, secondo il racconto della mamma, subito dopo ha manifestato agitazione, forte tosse e cianosi ma dopo pochi minuti le sue condizioni sembravano migliorare e la notte è trascorsa in relativa tranquillità. Il mattino successivo però ha notato che il figlio non respirava bene e aveva un respiro sibilante. Su consiglio del pediatra si è rivolta all’Ospedale di Conegliano, dove è stato disposto immediatamente il trasferimento del piccolo all’Otorinolaringoiatria del Ca’ Foncello. L’équipe del nosocomio trevigiano che ha effettuato l’intervento, guidata dal dr. Massimo Sonego, responsabile dell’Unità Operativa semplice di chirurgia endoscopica ORL, era composta anche dalla dott.ssa Monica Mantovani e dal dott. Marco Stellin, sempre dell’Orl, dalle anestesiste Valentina Ortolani e Nicoletta Toppan, nonché da un’équipe infermieristica polispecialistica di Otorinolaringoiatria, Chirurgia Pediatrica e Pneumologia.

Malgrado l’iniziale gravità, le condizioni cliniche del piccolo dopo l’intervento sono rapidamente migliorate: dopo poche ore trascorse in Terapia Intensiva è stato possibile trasferirlo in osservazione nel reparto di Pediatria.