ULSS2. Piacciono i servizi online. 15mila prenotazioni mensili di esame del sangue.

115

Potenziamento ed estensione all’intera ULSS delle prenotazioni on line, smart working applicato a seicento dipendenti, implementazione di una piattaforma per la prenotazione delle vaccinazioni del personale sanitario, utilizzo degli sms per comunicare la sospensione delle prestazioni ambulatoriali, l’esito dei tamponi e nell’ambito degli vaccinazioni degli over 80: sono questi alcuni dei principali processi di innovazione e digitalizzazione dei servizi che l’Ulss 2 ha adottato per far fronte alle nuove esigenze e alle limitazioni imposte dalla pandemia.

Servizi on line: esami di laboratorio, completare una pratica amministrativa, fissare l’appuntamento per la vaccinazione antinfluenzale o per essere contattato telefonicamente. “Qualche dato a conferma del gradimento: sono 15.000 al mese, mediamente, le persone che prenotano il loro esame del sangue direttamente tramite il sito aziendale e 3.000 gli appuntamenti gestiti tramite il “Ti chiamiamo noi”. Oltre 8.000 utenti prenotati per le vaccinazioni antinfluenzali di cui 1.200 nell’arco delle prime tre ore di apertura del servizio on line.

“Non è facile organizzare e gestire un afflusso libero e non prevedibile di persone, che necessitano di un tampone per verificare il proprio stato di salute in relazione alla presenza o meno del Covid – sottolineano l’ing. Roberto Da Dalt, responsabile dei Sistemi Informativi, l’ing. Mirko Mazzucco e l’ing. Maria Crema, del Servizio Innovazione e Sviluppo Organizzativo –. Per semplificare gli accessi ai Covid Point e la comunicazione dei referti, abbiamo via via apportato una serie di migliorie sui flussi delle auto, sulla disposizione degli operatori, sulle fasi operative, sulla logistica ed approvvigionamenti, fino all’invio dell’esito del tampone via sms. Per una persona positiva al test antigenico l’sms di avviso arriva dopo una mezz’oretta, ed entro un paio di ore la persona è sottoposta ad un tampone molecolare. In caso di negatività, un nuovo sms anticipa la disponibilità del referto, tranquillizzando il cittadino”. Con questa modalità sono state avvisate, dall’avvio del servizio, oltre 67mila persone.