AUTOVIE. Oltre 63 chilometri di barriere. Ottimi i risultati del monitoraggio

79
03 luglio 2019 Autovie Venete A34 dir Gorizia. © foto di Simone Ferraro

Lungo l’intera rete di Autovie Venete sono attualmente installati 63,707 chilometri di barriere (compresi i 15,723 chilometri del nuovo tratto di terza corsia fra Alvisopoli e Gonars) per un totale di 225.494 metri quadrati.  

Contenere l’inquinamento acustico è un dovere della Concessionaria, tenuta infatti a rispettare per legge la salute dei cittadini che abitano nei comuni limitrofi all’autostrada.

Le barriere vengono posizionate sul ciglio autostradale e devono garantire il rispetto dei limiti di rumore entro i 250 metri dal bordo della carreggiata. Nei primi cento metri dal ciglio dell’autostrada, l’intensità del suono non deve superare i 70 decibel nelle ore diurne (6 – 22), mentre nelle ore notturne (22-6) il rumore non deve superare i 60 decibel. Nei successivi 150 metri, il rumore non deve superare i 65 decibel nelle ore diurne e i 55 decibel nelle ore notturne. Nel caso di ricettori sensibili (scuole, ospedali e case di riposo) la soglia di rumore da non oltrepassare si abbassa a 50 decibel diurni e 40 decibel notturni.

Un’intensa campagna di monitoraggio è stata effettuata nel corso di questi anni a seguito dell’installazione delle barriere nel tratto Quarto D’Altino-San Donà di Piave (primo lotto della terza corsia) e lungo la A34 Villesse-Gorizia (ex Raccordo 17).

Nel primo lotto, dove insistono 16,478 chilometri di barriere sono stati controllati 18 ricettori tra cui uno sensibile (scuola) e sono state effettuate 18 misure: 13 (una per punto) della durata di 7 giorni e 5 (una per punto) della durata di 24 ore. I risultati hanno rilevato che il livello di rumore è sceso ampiamente sotto la soglia consentita dalla Legge. Lungo la A34 – dove i chilometri di barriere installati sono 5,310 -, sono stati controllati 11 ricettori tra cui uno sensibile (scuola) ed effettuate ben 29 misure, di cui 22 della durata di 7 giorni (2 misure per 11 punti), 6 della durata di 30 giorni in continuo (2 misure per 3 punti) e nel caso del ricettore sensibile è stata effettuata una misura in continuo per un anno. Anche in questo caso i livelli sono risultati ampiamente al di sotto di quelli consentiti dalla Legge. Considerati i limiti consentiti dalla legge (70 decibel di giorno e 60 di notte) in un punto molto vicino all’autostrada (distante 32 metri), ad esempio, di giorno il livello di rumore raggiunto con le barriere è stato di 54 decibel, mentre di notte è sceso a 50.