AVIS. Servizio Civile per 21 giovani. Compenso di 439 euro al mese

90

Sono 13 le sedi Avis in Veneto pronte ad accogliere 21 giovani per un anno di Servizio civile. Un’opportunità unica per conoscere meglio la grande associazione di volontariato dei donatori di sangue, aiutare a promuovere la cultura del dono, della solidarietà e della cittadinanza attiva e per vivere un’esperienza di crescita personale e professionale che talvolta si trasforma anche in un’opportunità di lavoro.

Le sedi che offrono questa opportunità sono l’Avis comunale di Castelfranco Veneto (Tv), Chioggia (Ve), Rovigo, San Donà di Piave (Ve), Valdagno (Vi), Venezia, Verona; le Avis provinciali di Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona. 2 i posti disponibili in Avis regionale Veneto, con sede a Treviso e annessa redazione del periodico “Dono&Vita”.

Le sedi rientrano nel progetto “Giovani per il dono e la salute – Nord” con codice PTCSU0007220014325NXXX e il termine per presentare la candidatura è il 15 febbraio alle ore 14.

Il progetto dura 12 mesi e impegna per una media di 25 ore settimanali da articolarsi in 5 giorni di servizio. All’interno del loro percorso, i volontari seguiranno un percorso di formazione durante il quale verranno istruiti sul Servizio civile in generale (42 ore) e sull’associazione (72 ore).

Chi svolge il Servizio civile riceve un compenso mensile di 439,50 euro.

La domanda va presentata esclusivamente online attraverso la piattaforma ministeriale https://domandaonline.serviziocivile.it/ , prestando attenzione ad inserire correttamente il codice progetto ed il codice sede, riportato all’interno del progetto. Si può presentare la domanda solo per un progetto. Requisiti, età tra i 18 e i 28 anni (compiuti), essere cittadino italiano o di uno stato membro UE o di un paese extra Unione Europea purché il candidato sia regolarmente soggiornante in Italia e non aver riportato condanne.

Per maggiori informazioni si può visitare il sito www.avis.it/serviziocivile, chiamare Avis regionale Veneto allo 0422 405088 (con possibilità di parlare con chi già l’ha svolto) e/o le singole Avis accreditate.