MONTEBELLUNESE. I sindaci spiegano il PATI agli agricoltori

98

I sindaci montelliani hanno incontrato in questi giorni gli agricoltori per parlare del PATI che andrà a sostituire un piano d’area Montello che ormai ha 40 anni e concepito in un’epoca in cui non esistevamo gli strumenti digitali e che aveva introdotto una serie segni ideogrammatico. Similmente, poi, è arrivata Rete natura 2000 con una cartografia realizzata con pochi rilievi cartografici.

Il coordinatore Marzio Favero ha spiegato come è stato fondamentale incontrarsi con l’assessore regionale all’urbanistica, la Direzione generale della Soprintendenza e con i tecnici dei rispettivi Uffici ed alla fine si è ritenuto opportuno non procedere con una variazione del Piano d’area che richiede passaggi in Regione, bensì con l’adesione di un PATI in grado di declinare gli indirizzi generali del Piano d’area, tenendo conto, contestualmente, delle esigenze reali di chi vive sul Montello.

Quanto a rete Natura 2000, la Regione Veneto ha condotto una revisione radicale della cartografia, molto più puntuale di quella di 20 anni, che sarà presentata per novembre.