SAN POLO DI PIAVE. Domani sera, cinema in cantina Giol

109

Nuovo appuntamento domani- mercoledì 2 settembre alle 20,30 – con “Cinema in Cantina”, la rassegna di Sole Luna Festival e del Consorzio di Tutela della Doc Prosecco, ideata per valorizzare il territorio del Nord Est proponendo film documentari che raccontano storie e tradizioni di queste terre insieme a visite guidate e degustazioni in alcune cantine della Doc Prosecco di Veneto e Friuli di Venezia Giulia.

Domani la rassegna si sposta a San Polo di Piave, nel trevigiano, dove ha sede l’Azienda agricola Giol, una cantina dalla storia secolare come i tigli e i glicini che le fanno da cornice costeggiati da un ruscello d’acqua sorgiva. Un luogo che sposa storia, tradizione e bellezza. Durante la Prima Guerra Mondiale gli austriaci occuparono tutta la zona e fecero del Castello e delle Cantine un presidio militare. In quegli anni, intere forme di formaggio venivano nascoste all’interno delle botti per sottrarle alla confisca; da qui l’origine di un formaggio noto come l’ubriaco. A testimonianza del passaggio delle truppe rimangono, inoltre, i segni dei proiettili sparati contro alcune botti: fortunatamente il loro spessore era tale da resistere ai colpi di arma da fuoco salvaguardandone il contenuto. La cantina è ospitata tra le mura merlate dell’antico castello settecentesco, distrutto e ristrutturato nei secoli.

E di storia, della storia dell’ultimo secolo, parla anche il documentario in programma: “Cento anni” di Davide Ferrario (Italia 2017, 85’). Un viaggio a tappe lungo le “Caporetto” del Bel Paese. Primo capitolo: la disfatta del 1917, nei pressi di Caporetto, contro le truppe austro ungariche e tedesche e la ritirata del Regio esercito italiano fino al Piave. Secondo capitolo: la Resistenza. Terzo capitolo: la strage di Piazza della Loggia a Brescia. Quarto capitolo: la “Caporetto” demografica di oggi, lo spopolamento del Sud.

Inizio alle 20,30 con la visita alla cantina e la degustazione dei vini  per poi proseguire fino alle 23 con la visione dei film. L’ingresso è gratuito con prenotazione. Obbligatoria la mascherina nel rispetto delle misure anti- Covid.