PADOVA. Accordo americano di Corvallis per la sicurezza dei dati

109

Cyber security, un termine ormai abusato, che testimonia la preoccupazione sempre più largamente diffusa e relativa al furto di dati sensibili. Durante il lockdown hanno interessato, secondo il Report di WMware Carbon Black, ben il 98% delle realtà intervistate, maggiormente esposte dopo aver attivato lo Smart working. In questo campo opera Juliasoft, società del Gruppo Corvallis, che ha chiuso un importante accordo con l’americana GrammaTech, società leader mondiale nel settore delle soluzioni SAST, (Static application security testing), ovvero quelle applicazioni software che aiutano a garantire che il codice scritto faccia quello per il quale è stato creato, mantenendo i dati sempre sicuri.
“L’accordo”, ha detto Matteo Del Sole, ceo di JuliaSoft, “oltre all’integrazione di Julia in CodeSonar, che continua così ad essere una piattaforma proprietaria unica ed esclusiva a livello mondiale, prevede anche un team di esperti Corvallis ad esclusivo supporto di GrammaTech nell’evoluzione tecnologica dei prodotti. Questo consentirà ai clienti di eseguire analisi statiche di codice C, C++, Java e C # e di sviluppare applicazioni sicure più rapidamente.” L’accordo prevede inoltre che Corvallis diventi partner strategico per la commercializzazione ed erogazione dei servizi altamente specializzati legati alla piattaforma CodeSonar, rafforzando l’offerta di cyber security del Gruppo. CodeSonar è utilizzata da alcune delle organizzazioni più sensibili alla sicurezza nel mondo, tra cui le forze armate statunitensi, la NASA, i produttori automobilistici, aerospaziali, industriali e del settore dell’healthcare, per proteggere le loro applicazioni da difetti e vulnerabilità.