TREVISO. Sgominata la banda dei bancomat. Operava tra il Veneto e la Toscana

136
SONY DSC

Furto aggravato continuato, detenzione abusiva di armi ed esplosivo, riciclaggio e favoreggiamento personale: sono cinque le ordinanze di custodia cautelare eseguite in carcere dai Carabinieri nei confronti di Janco Major, 46 anni domiciliato a Paese, Naia Gabrieli 40 anni, residente a Istrana, Laki Grilletti, 36 anni, residente  a Castelfranco Veneto, Liliano Ferri 48 anni, residente nel lucchese ; Negro Guidi Dejan, 25 anni, residente a Viareggio. Nel corso dell’operazione è stata arrestata anche Chiara Colombo, 32 anni, residente a Castelfranco Veneto, compagna di uno degli indagati. La donna dovrà scontare 6 anni e mezzo di galera. L’inizio dell’operazione è stata avviata a febbraio dai carabinieri di Treviso, assieme a quelli di molti altri comandi. L’ordinanza è stata emessa in relazione a tre assalti bancomat il 29 febbraio a Empoli, San Miniato e Amelia. Sono indagati anche per gli altri tre assalti del 22 febbraio a Massa Carrara e Pistoia.

La banda si muoveva tra il Veneto, la Toscana e la Liguria con un’auto di grossa cilindrata rubata e con targhe clonate. Tra gli attrezzi, i malviventi avevano anche uno scanner per intercettare le comunicazioni delle Forze dell’Ordine. Le basi erano nel trevigiano e nel pistoiese dove potevano contare su garage e alloggi dove nascondersi dopo i colpi.