VITTORIO VENETO. Ecco il primo corso di geopolitica

310

Per un mese Vittorio Veneto sarà proiettata al centro dello scacchiere geopolitico nazionale grazie al neonato Limes Club “Città della Vittoria e dell’Università Ippolito Pinto: a partire dal 29 febbraio, inizierà il primo corso di geopolitica. Nelle mattine di cinque sabati consecutivi, esperti di altissimo livello si alterneranno al tavolo dell’Aula Civica del Museo della Battaglia per fornire ai partecipanti, con un linguaggio semplice e diretto, le migliori chiavi di lettura degli avvenimenti che occupano le prime pagine dei giornali.

Lo scopo del 1° corso di geopolitica” dice Ludovico Domini, neoeletto Presidente del Limes Club “Città della Vittoria”, “è dare continuità a un interesse per le relazioni internazionali che la nostra città dimostra già da lungo tempo, ma è anche una sfida che abbiamo raccolto: portare in città personaggi di spessore nazionale come il Professor Angelo Panebianco e il Generale Fabio Mini, solo per citare alcuni degli illustri conferenzieri. È un incredibile occasione per crescere come cittadinanza attenta e consapevole, e siamo sicuri che i vittoriesi ci aiuteranno a vincere questa sfida”.

Molti i temi che saranno trattati (l’elenco e gli orari in allegato), dal rapporto tra globalizzazione democrazia al confronto tra i grandi colossi USA, Cina e Russia, protagonisti dello scacchiere globale, per poi concludersi con un focus sulla situazione del Mediterraneo, area particolarmente complessa e nella quale assistiamo allo scontro tra più interessi nazionali, compreso quelli italiani. In particolare quest’ultimo tema sarà affrontato anche dall’Ammiraglio Giuseppe De Giorgi, già Capo di Stato Maggiore della Marina Militare che, tra i molteplici incarichi ricoperti, annovera anche il comando dell’Incrociatore portaelicotteri “Vittorio Veneto”, già nave ammiraglia della nostra flotta, e che è stretto alla nostra città da un legame molto particolare.

Il corso si terrà presso l’aula civica del Museo della Battaglia tutti i sabati a partire dal 29 febbraio sino al 28 marzo alle ore 10.15, e prevede un attestato di partecipazione per quanti partecipino ad almeno quattro dei cinque incontri.