EUROMODA. Nel suo futuro prossimo c’è Mandarin Capital Partners

152

Con queste parole il presidente e AD di Euromoda Marco Vecellio anticipa e riassume i progetti futuri di espansione e incremento. Un’ambizione che nel 2020 incontrerà l’interesse parallelo di Mandarin Capital Partners, con l’intenzione di formare una holding capace di raggiungere gli 80 milioni di fatturato. I passaggi preliminari di questo grande progetto hanno avuto inizio con un piano di acquisizione e fusione che vedrà Eurmoda aggregare al proprio interno Coridal Line. Un ciclo che si prefigge di portare a termine, con altre due acquisizioni nel corso della primavera 2020.

La sede è a Milano ed è partecipata dallo stesso Mandarin Capital Partners, insieme a Marco Vecellio e alcuni soci sostenitori, ex soci delle partecipate. La neonata holding avrà come referenti il team di gestione MCP con cui intende diventare riferimento indiscusso nella fornitura di accessori metallici tramite l’aggregazione di tecnologie che permettano la creazione di un prodotto totalmente Made in Italy. Il tutto sarà possibile attraverso l’acquisizione di tecnologie e know how umani, utili a consentire il completamento dell’intera gamma di produzione.

Altra grande novità riguarda l’impiego dei proventi ottenuti dalla vendita della partecipazione: Eurmoda ha voluto distribuire parte della somma ai propri collaboratori tramite un fondo assicurativo. Questo perché è nell’interesse dell’azienda tutelare i propri collaboratori in un’ottica di un futuro dialogo con partner internazionali di spicco.

Nello specifico è stata prevista la spartizione di oltre 400 mila euro ai dipendenti, sotto forma di premi in busta paga per i più virtuosi e welfare aziendale equamente distribuito, per un importo minimo di 1500 euro netti, per ciascun dipendente. L’operazione sarà possibile mediante l’utilizzo del Portale Welfare Well Work, un sistema coordinato e gestito da Zandonella Assicurazioni, l’agenzia assicurativa di riferimento del gruppo con sede a Pieve di Cadore, in provincia di Belluno, a totale riferimento dell’azienda.

Nel concreto gli importi saranno versati in una piattaforma dedicata dove ogni singolo dipendente potrà attingere per acquistare beni e servizi di svariata natura, per sé e per la propria famiglia.