ECONOMIA. CEV cresce del +5% e si avvicina ai 50 milioni di fatturato

98
la famiglia Vendramin

CEV S.p.A., storica impresa di costruzioni trevigiana con sede a Treviso in via Castellana, negli ultimi tempi sta gestendo prestigiosi cantieri nelle principali città italiane. A Milano ha aperti un paio di cantieri a due passi dal Duomo, a Firenze si sta occupando della ristrutturazione di un hotel stellato di fronte alla cupola del Brunelleschi, a Roma e Venezia ha in atto due riqualificazioni in centro storico, a L’Aquila sta operando con interventi di ricostruzione post sisma.

Affermatasi nel mercato edilizio per le numerose collaborazioni con architetti e progettisti di fama mondiale (da Tobia Scarpa a Tadao Ando, Fuksas, Rem Koolhaas, John Dawson, Alberto Campo Baeza), Impresa CEV, della famiglia Vendramin, negli ultimi anni ha ampliato il proprio raggio d’azione al comparto delle ristrutturazioni e dei restauri, nonché delle riqualificazioni industriali, raggiungendo in tutti questi settori anche l’attestazione per realizzare lavori di importi molto elevati. Per dare un’idea, basti ricordare che tra i principali clienti acquisiti da Impresa CEV nel tempo vi sono società del calibro dei gruppi aziendali Benetton e De Longhi, i francesi di LVMH, i taiwanesi di LDC, gli americani di Blackstone (Kryalos sgr).

Dopo un bilancio 2018 positivo (valore della produzione di quasi 38 milioni di euro, con un +5% rispetto al 2017), Impresa CEV prevede nell’anno in corso di avvicinarsi ai 50 milioni di euro di valore della produzione. Una crescita record che posiziona l’azienda trevigiana tra le prime 30 imprese di costruzioni in Italia nel settore dell’edilizia privata.