VOLLEY. Michele Zanin è responsabile Nord Italia

215

Michele Zanin, il deus ex machina di Volley Treviso, è stato nominato dal Consiglio Federale referente area nord del progetto di qualificazione nazionale del settore maschile. La nomina è arrivata perché voluta da Julio Velasco e Zanin avrà il compito di fungere da trait d’union tra le realtà di tutto il nord Italia e i responsabili della Federvolley, con l’obiettivo di scovare giovani talenti di interesse nazionale.

Una quantità impressionante di titoli nazionali vinti a livello giovanile, lustri di proficua collaborazione con il Comitato Regionale Veneto, prima come selezionatore regionale e poi come referente tecnico, tantissimi allenatori formati e decine di ragazzi cresciuti e lanciati nelle massime categorie: Michele Zanin non ha bisogno di presentazioni, ma per chi non lo sapesse è semplicemente il “guru” (come definito ironicamente dai colleghi allenatori della società, ndr) del volley giovanile veneto da ormai trent’anni.

La risposta da parte di Zanin non poteva che essere positiva: “Quando Velasco mi ha chiamato per propormi questo ruolo ci siamo confrontati a lungo su tanti aspetti che riguardano la pallavolo giovanile italiana maschile e sono stato contentissimo di constatare che su molti temi siamo molto in sintonia”.

In cosa consisterà fattivamente questo incarico?

Mi occuperò dei “Processi Selettivi” in tutta l’Italia del nord: affiancherò i vari selezionatori regionali e li coadiuverò nel lavoro di selezione e qualificazione dei giovani pallavolisti, facendo da anello di giunzione tra le realtà del nord e il Direttore Tecnico Velasco, il coordinatore del progetto e coach della Nazionale Juniores Angiolino Frigoni e gli altri allenatori Vincenzo Fanizza e Monica Cresta (rispettivamente delle Nazionali Pre-Juniores e Allievi, ndr)”.

Le strade di Zanin e della Nazionale quindi si incrociano, dopo aver viaggiato parallele per tanto tempo:

Non nascondo che in passato ci sono state diverse possibilità di collaborare con la Federazione, ma per una serie di motivi, non ultimi la famiglia e tanti progetti ai quali tengo, nessuna è mai andata in porto. Poter collaborare con Velasco è un onore ed uno stimolo in più per fare del mio meglio e c’è tanta curiosità nell’affrontare questa nuova avventura e nel vedere come si concretizzerà. Sono orgoglioso di rappresentare Volley Treviso e il Comitato Regionale Veneto, con i quali ho la possibilità di continuare a dare la massima collaborazione per la crescita di queste realtà. Dando la mia disponibilità alla Federazione ho l’opportunità di contribuire al movimento nazionale: un’occasione che questa volta non potevo farmi scappare”.