TREVISO. Ragazzo malato di tubercolosi farà l’esame orale di maturità in ospedale

65

Un ventenne residente nel Distretto Treviso è stato ricoverato nell’Unità Operativa di Malattie Infettive del Ca’ Foncello, diretta dal dottor Pier Giorgio Scotton, con diagnosi di tubercolosi. La diagnosi, formulata in via definitiva ieri sera, è giunta al termine di una complessa serie di accertamenti, incluse indagini radiologiche e di biologia molecolare, queste ultime condotte dall’UOC di Microbiologia, diretta dal dottor Roberto Rigoli. Per il ragazzo, che presentava al momento del ricovero un quadro clinico abbastanza impegnativo, è stato avviato il percorso terapeutico. Il giovane frequenta l’ultimo anno in una scuola superiore di Motta di Livenza, fatto che ha immediatamente portato ad indagare con massima attenzione possibili ipotesi di correlazione con il focolaio epidemico verificatosi nei mesi scorsi nella Primaria “G. Aleandro”. Queste ipotesi sono state escluse: il caso è riferibile ad un cluster familiare, di complessivi tre casi. Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica, come da protocollo, sottoporrà a test Mantoux e ad eventuali ulteriori approfondimenti, tutti i contatti stretti del giovane colpito da tubercolosi, con particolare riferimento ai compagni e ai docenti della classe. I test sono previsti per martedì prossimo con lettura venerdì. Del caso sono state prontamente informate le autorità civili e scolastiche: con queste ultime si è concordato di far svolgere allo studente la prova orale dell’esame di maturità nel Reparto in cui è ricoverato, con spostamento dell’intera commissione d’esame.