FONTE. Gli studenti del Cfp hanno rimesso a nuovo il riscaldamento del Centro Chiavacci

54

Da pochi giorni c’è un rinnovato impianto di riscaldamento nella “Casa di spiritualità e cultura Don Paolo Chiavacci” di Crespano (comune di Pieve del Grappa). Oggi funziona a dovere grazie al lavoro degli allievi del terzo anno Termoidraulica del Centro di formazione professionale (Cfp) di Fonte. L’intervento è stato possibile grazie alla collaborazione tra Alessandro Buniato corporate sales della “Coster Group”, azienda leader per la produzione di impianti di termoregolazione e Francesco Pilotto titolare della ditta “Tecnoimpianti” di San Zenone degli Ezzelini.

«Si erano guastate le apparecchiature di regolazione automatica dell’impianto di riscaldamento – spiega il docente Michele Biagioni che assieme al docente Paolo Morandin  ha seguito tutto il progetto – un guasto che ha comportato la sostituzione dei regolatori con relative lavorazioni di installazione. La soluzione è stata studiata prima preparando i ragazzi in aula e poi per una settimana facendoli operare all’interno della struttura in appoggio ai tecnici della Coster Group capitanati da Andrea Boraso. Ora le apparecchiature installate possono essere controllate anche via web per cui da qualsiasi parte del mondo è possibile verificare e modificare le temperature impostate in ogni stanza, verificare se ci sono finestre aperte o eventuali anomalie nella centrale di generazione del calore. I ragazzi hanno inoltre sostituito le pompe del circuito primario con altre di ultima generazione permettendo quindi un risparmio di energia elettrica. Devo dire che sono stati molto bravi ad eseguire i lavori con serietà e impegno»

«Attraverso queste attività di studio e lavoro – aggiunge il direttore generale del Cfp Andrea Mangano – cerchiamo di intensificare la collaborazione e la sinergia tra la nostra scuola, le aziende produttrici e gli installatori. In questo modo gli allievi svolgono una reale esperienza di lavoro e comprendono meglio cosa li aspetta una volta ottenuto il diploma».