TREVISO/BELLUNO. Strategie della Camera di commercio verso il Camerun

293
Pozza e il Console Camerun di Milano Edwige Nkolo

Presso la Camera di Commercio di Treviso – Belluno è stato ospitato l’incontro realizzato da A.S.I.C.A. Associazione per gli scambi Italia-Camerun in collaborazione con il Consolato del Camerun a Milano, l’Accademia Nazionale di Agricoltura, Brussel Airlines e l’ufficio promozione estero camerale. Il presidente Pozza ha dato  il benvenuto al Console Onorario del Camerun a Milano, S. E. Esther Edwige Nkolo Lekoua, ai signori Simon Pierre Ntomb Ngue e Doriano Ponzi Vice Presidente e Segretario di ASICA e al signor Bruno Marangoni Consigliere di ANA. S.E.  “Leggendo i dati statistici “, ha detto il presidente Pozza, “possiamo vedere che, nel corso del 2018 le province di Treviso-Belluno hanno esportato verso il Camerun merci per un valore pari a quasi 2,9 milioni di euro (in aumento del +9,6% rispetto al 2017). Con riferimento alle importazioni, i volumi sono quasi pari a 2 milioni di euro, in crescita del +39,3% rispetto all’anno precedente”.
Numeri non rilevanti sul totale import/export, ma sono in crescita e, grazie anche incontri, possono aumentare e offrire spazi a nuove collaborazioni. L’export è solo 0,03% delle esportazioni venete, ma il Camerun è una potenziale opportunità. “Sono stato lieto”, ha detto Pozza, “di vedere la partecipazione di importanti imprese interessate a creare nuove relazioni di business. A conferma del ruolo cruciale che l’internazionalizzazione svolge nello sviluppo dei nostri territori e vi assicuro che – conferma il Presidente Pozza – che il sistema camerale ha fra le sue priorità il supporto alle imprese che intendono crescere e cogliere le opportunità di business in una dimensione global”.
Treviso e Belluno insieme contribuiscono in maniera determinante alla bilancia commerciale italiana. Treviso, in particolare, è la settima provincia in Italia per valori di esportazioni, soprattutto è attiva nei settori agroindustriale, vitivinicolo, mobile arredo, metalmeccanico. Quindi il mercato camerunense, in via di sviluppo, offre alle nostre imprese delle prospettive di affari e investimenti da valutare con attenzione. La Camera di Commercio manterrà costante l’impegno alla proposta di occasioni di aggiornamento per gli operatori con l’estero, di forum e spazi di confronto per imprenditori e manager, senza trascurare le opportunità di business nel quadro di incontri settoriali con buyer esteri.