VERONA. Ecco i vincitori del Premio Superatleta Veneto 2019

285
L’Unione Nazionale Veterani dello Sport propone quella che è diventata ormai da 4 anni una manifestazione di spicco nel calendario di eventi che le varie sezioni del Veneto realizzano in pieno accordo.
Sabato 15 giugno alle ore 10.30 infatti nella Sala degli Arazzi del Comune di Verona, per la regia quest’anno della Sezione locale presieduta da Pierluigi Tisato, si svolgerà la “Giornata del Veterano Veneto 2019” nel corso della quale verranno assegnati il “Premio Superatleta Veneto 2019” e i premi “Venetosport 2019”, frutto delle segnalazioni e delle scelte delle sezioni di Venezia, Treviso, Padova, Vicenza, Bassano, Verona.
Quest’anno nell’albo d’oro, accanto ai nomi di Sara Simeoni, Rossano Galtarossa e Giovanni Battaglin premiati negli anni scorsi, andrà ad iscriversi quello di Francesca Porcellato, veneta di Castelfranco ma atleta mondiale (paraplegica dall’età di 18 mesi), che con lo sci di fondo, nell’atletica leggera e nell’handbike ha collezionato in carriera un vasto palmares di Campionati Italiani, Europei, Mondiali e di partecipazioni e medaglie alle Olimpiadi.
A farle buona compagnia nell’evento dei Veterani i tanti sportivi, tecnici e dirigenti che meritano, per aderenza ai valori dello sport portati avanti dall’U.N.V.S., Treviso ha scelto di premiare Patrizia Capuzzo per la sua lunga ed appassionata militanza nel mondo dell’automobilismo sportivo, prima come colonna portante della scuderia Piave Jolly Club, oggi dirigente ai massimi livelli come componente la Commissione FIA Drifting. Con lei un altro dirigente e sportivo noto per l’impegno a vari livelli nel mondo dello sport montebellunese: Walter Durigon, Docente Universitario della Facoltà di Scienze Motorie dell’Università di Verona, una vita dedicata allo sport.
Padova premierà l’arbitro Roberto Bettin, forte di una carriera come direttore di gara in serie A a livello internazionale e ai vertici dell’A.I.A., l’allenatore di volley Valerio Baldovin, al settimo campionato alla guida della Kioene Padova e Andrea Gabrielli, presidente del Cittadella che proprio a Verona ha visto sfumare d’un soffio la serie A. Venezia assegnerà i suoi premi a Simone Cercato, di Dolo, ex nuotatore italiano, stileliberista medaglia olimpica e mondiale in staffetta e Eleonora Fersino pallavolista di Chioggia classe 2000, libero della scudettata Imoco. Premio speciale al chioggiotto Marcello Mamprin, classe 1937, che ha  partecipato a 27 Maratone nel mondo, vincendo il titolo italiano di categoria 1500 m nel 2008, presidente dal 1978 della GS Voltan di Mestre.
Per la sua poliedrica carriera di dirigente sportiva nel nuoto, nella pallamano e nella scherma e di atleta scudettata campionessa d’Italia e azzurra nel softball della Lazio,
Vicenza ha puntato su Jurij Dalla Santa, pluricampione nel tiro a segno e nel 2017 oro individuale ai Campionati Italiani di tiro specialità Pistola Standard 25 mt. e su Paolo Cristallini, già calciatore di serie A (Pisa, Torino, Bologna, Piacenza, Vicenza) e ex D.S. di Vicenza e Brescia, mentre Bassano ha scelto Cinzia Arcamone al fianco della quale sarà Bruno Gonzato, ciclista scledense dall’ottimo curriculum che lo portò ai vertici del ciclismo mondiale su pista negli anni ’60. Verona completa le sue scelte premiando Roberto Di Donna, campione olimpico di tiro con la pistola e il quartetto “Celebrity” della società Artiskate di pattinaggio artistico a rotelle, recenti vincitrici del campionato Europeo.
Lo speciale “mouse di cristallo” alla carriera giornalistica verrà assegnato dall’USSI Veneto al veronese Renzo Puliero.