TREVISO. Maeg SpA ha terminato lo stadio di calcio del Qatar. Giovedì la partita inaugurale

425

Maeg Costruzioni di Vazzola, specializzata nelle grandi costruzioni in acciaio ‘Made in Italy, sta ultimando con gli ultimi ritocchi lo stadio Al Wakrah di Doha in Qatar, 40 mila posti a sedere, 7.500 le tonnellate di acciaio utilizzato, 39,7 milioni di euro il valore della commessa per la società di Vazzola. Lo stadio sarà inaugurato tra una settimana, il 16 maggio, con una partita dell’Amir Cup, il torneo fra gli emiri del Qatar, e Maeg non ha ancora lasciato il campo perché in questi giorni sta dando gli ultimi tocchi di vernici. “Si tratta di un’opera particolare”, ha detto Alfeo Ortolan, “anzitutto nella forma, perché Al Wakrah, ideato dallo studio di architetti Zaha Hadid Architects, si ispira alla vela delle tipiche imbarcazioni Dau ancora utilizzate per attraversare il Golfo Persico, e poi per la tecnologia: le condizioni ambientali richiedono infatti che durante le manifestazioni sportive l’impianto sia chiuso e l’aria venga raffrescata”.

Il nuovo stadio di Doha costruito da Maeg SpA di Vazzola

Oltre a ponti e edifici civili, dal 1978 anno di fondazione, la società della famiglia Ortolan realizza infatti nel mondo stadi di calcio applicando, caso per caso, la metodologia più adatta. Tre sono i principali metodi che esaltano le eccellenze delle maestranze e del territorio nordestino. “Noi consegniamo ai nostri committenti”, ha detto Alfeo Ortolan fondatore e presidente di Maeg, “lavori fortemente caratterizzati dal ‘Made in Italy’. I singoli pezzi sono fabbricati nei nostri stabilimenti tra Veneto e Friuli, e premontati e collaudati in fabbrica. Le commesse includono, oltre alla fornitura e la posa in opera, anche il progetto costruttivo e spesso quello esecutivo in ottemperanza al progetto architettonico che costituisce la base per la gara. E’ in particolare in questa fase creativa che vengono esaltate le competenze sia tecniche che di gusto italiano della nostra azienda”.
L’azienda di Vazzola (Treviso) è ben presente anche in cantieri italiani. Ha ottenuto di recente l’incarico per la progettazione, fornitura e posa in opere delle strutture metalliche dello stadio di calcio dell’Atalanta a Bergamo. I lavori sono già incominciati. Il valore della commessa è di 9,5 milioni di euro ed è previsto l’impiego di 3.480 tonnellate di acciaio per una capienza finale di 24 mila posti, di cui 18 mila a sedere. La consegna è prevista in due tempi: a settembre di quest’anno e a settembre del 2020.
Oltre alla partecipazione a gare internazionali per altri stadi, Maeg sta in queste settimane costruendo il Complesso Sportivo d’Olembre, detto ‘Coso’, a Youndé in Camerum, 65 mila posti a sedere e l’impiego di 8mila tonnellate di acciaio. Il valore della commessa è di circa 43 milioni di euro per un impianto con un hotel, un centro commerciale, palestre e piscine, oltre al campo di calcio. “Questo impianto ha una tipologia a tensostruttura, una metodologia che impiega cavi e tiranti pretensionati”, ha spiegato Ortolan, “una soluzione che abbiamo proposto anche per altri stadi europei