TREVISO. Da sabato all’ex Pagnossin va in scena la tre giorni di Gourmandia

473
ZT 2015-06-06 ZANARDO

I prossimi 13-14-15 aprile sarà l’area Opendream in via Noalese, a ospitare Gourmandia 2019,  una delle più importanti rassegne enogastronomiche venete, alla quarta edizione, e a celebrare i 100 anni di uno dei più affascinanti edifici industriali di Treviso e del Veneto, l’ex Pagnossin acquisita e recuperata dalla Zanardo S.p.A.  (Damaso Zanardo in foto) “E’ un grande onore e piacere per noi – dichiara Damaso Zanardo, AD del Gruppo Zanardo  – ospitare Gourmandia negli spazi Opendream e il nostro impegno come azienda è di valorizzare al meglio questa presenza e accogliere i molti visitatori che verranno nel centenario della costruzione di questo storico edifico, memoria della città di Treviso e nella storia dell’industria veneta”. Da tre anni, Zanardo, dopo l’acquisizione dell’ex Ceramica Pagnossin, è impegnata in un processo di recupero e rigenerazione urbana su di un’area considerevole sia per dimensione (100mila mq di cui 42mila strutture coperte), per la particolarità della localizzazione, a circa 1km dall’ingresso dell’Aeroporto Canova, e per il notevole patrimonio architettonico di stile industriale del ‘900 con capannoni in mattoni e strutture a volta.
E’ stato nel 1919 che ha avuto inizio la storia di Pagnossin   con l’apertura del forno Hoffman per la cottura dei laterizi, tuttora presente come monumento, inglobato nei successivi interventi di ampliamento. Lungo quasi un secolo, in questa industria e con i suoi collaboratori si è potuta esprimere la forza creativa della manifattura italiana, riconosciuta tra le eccellenze internazionali, con prodotti di design ricercati in tutto il mondo.

Sul versante degli eventi Gourmandia rappresenta bene la vocazione dell’area per il Food & Beverage, anticipando il progetto di un mercato coperto stabile e di apposite strutture formative, degustative ed espositive, dedicate al vino ed alle specialità alimentari di cui il territorio è un importante produttore. Dal prossimo mese di giugno infine l’area Opendream ospiterà il  progetto culturale INN Veneto, dove in collaborazione con il premio ArteLaguna, verranno realizzati dei laboratori  di residenza artistica in cui quattro maestri realizzeranno alcune opere, lavorando con le matrici degli stampi recuperate dal patrimonio Pagnossin. Contemporaneamente verranno realizzate alcune masterclass per la formazione di curatori sempre in ambito artistico, ed un laboratorio musicale che lungo l’arco di alcuni mesi provvederà alla realizzazione di un Docufilm, le cui riprese e la composizione e registrazione della colonna sonora avverranno all’interno dell’area. “Attraverso questi interventi si vuole quindi dare il segnale che un bel pezzo di territorio, può, senza interventi impattanti, tornare a riportare le eccellenze produttive e creative alle porte della città”, conclude Damaso Zanardo.