TREVISO. Da Lovat domenica 31 si presenta il nuovo romanzo di Norma Follina

562

Appuntamento a Villorba domenica (31 marzo) alle ore 18 da Lovat per la presentazione di Onde aliene nel bosco, nuovo lavoro di Norma Follina (direttore responsabile di questo giornale, ndr), giunta così alla pubblicazione del suo quinto romanzo. All’evento parteciperà come, voce e chitarra, Ron Principe of The Blend.
A presentare il libro e moderare l’incontro sarà Alessandra Gobbo di Koinè Comunicazione. 


Il libro
Quella sera, verso le ore 22, un intenso e repentino bagliore squarciò l’oscurità. Subito scattarono le ricerche di Vigili del Fuoco, Protezione Civile e Carabinieri per capire che cosa fosse successo. Giornali e televisioni il giorno dopo raccontarono le esperienze dei tanti avevano visto i bagliori bianchi e azzurri e di chi indicava il punto dove il tutto si fosse spento. Passato qualche giorno, non se ne parlò più.
Su questo evento straordinario e documentato si apre Onde aliene nel bosco. Narra che quella sera era atterrata tra il Piave e il Montello la navicella che portava in gita scolastica un gruppo di ragazzi del pianeta Lippo. Tra loro anche Tellus, il ragazzo extraterrestre con evidenti ma inspiegabili origini terrestri. La navicella fuggì in fretta e furia per aver avuto paura degli uomini e abbandonò Tellus nel bosco Montello. Rimasto solo, ma in contatto audio-video con Lippo, egli si è mosso alla scoperta del vecchio pianeta. Intrecciando senza distinzione realtà e fantasia, questo romanzo indaga le paure del nostro tempo e con ironia e divertimento le racconta, specchiate nelle vicende degli alieni arrivati sulla Terra. Un libro sincero sulla contemporaneità.
Onde aliene nel bosco, dopo i precedenti romanzi “Il paese rubato”, “Un pugno di ragazzi”, “Si dice” e “Romanzo 44”, tutti ispirati dall’amore per il Montello e alla rievocazione di eventi accaduti tra la prima e la seconda guerra mondiale, rivela un’impronta diversa. Ciò che si ritiene comunemente fantasia o fantascienza rappresenta qui la realtà della narrazione che spazia tra pianeti d’una civiltà molto più avanzata, alle prese comunque con problemi di penuria di energia, di volontà di dominio e di segreti, ma anche di tanto affetto tra le persone. E sarà l’affetto a dare a Tellus la forza di sopportare la lontananza dai genitori e dai compagni di scuola. Il ragazzo lippone si è fatto nuovi amici sulla Terra, anzitutto il maresciallo dei Carabinieri Ivan, Nonno, i fratelli Luca e Caterina. Il libro lascia alcuni temi non risolti e conferma che si tratta di una prima tappa delle avventure di Tellus.