PADOVA. Al Bo, pomeriggio di studio sulla bellezza della matematica

379
PADOVA 22/04/2016 ©BERGAMASCHI PALAZZO DEL BO - PALAZZO BO - fotografo: marco bergamaschi

La bellezza della matematica e la sua utilità alla ribalta del grande pubblico, portando in palmo di mano –citando il Galileo– un genio della materia come fu un Alumnus eccellente dell’Università di Padova quale Tullio Levi – Civita.

Per un pomeriggio, quello del 28 marzo prossimo dalle 16.30 alle 18.30 nell’Aula Magna del Bo, la matematica e le sue dirette applicazioni saranno al centro dell’attenzione mediatica e universitaria, con un occhio alla funzionalità stessa di calcoli, formule e problemi.

Il pomeriggio sarà aperto dai saluti istituzionali del Magnifico Rettore prof. Rosario Rizzuto, del Presidente dell’Associazione Alumni di Padova Andrea Vinelli oltreché dal Direttore del Dipartimento di Matematica Tullio Levi – Civita dell’Università di Padova Prof. Bruno Chiarellotto.

A chiudere l’incontro ci penserà Enrico Del Sole Amministratore Delegato di Corvallis Holding Spa, a nome dell’azienda che promuove il premio nazionale Tullio-Levi Civita di tesi di dottorato che verrà lanciato proprio il 28 marzo a livello nazionale.

Tullio Levi-Civita, docente dell’ateneo patavino, già professore di meccanica razionale a 24 anni, famoso per aver corretto e aiutato Albert Einstein a formulare quella che diventò la teoria della Relatività Generale.

«Abbiamo il piacere e l’onore con questa giornata di studi – commenta Andrea Vinelli Presidente dell’Associazione Alumni dell’Università di Padova – sdi ricordare Tullio Levi-Civita, valorizzando la sua figura di Alumnus e di riportare così al presente, con i preziosi interventi dei Professori Guerraggio e Rampazzo, quelli che erano i temi di studio a cui Levi-Civita ha dedicato la vita. Con questo evento vogliamo anche lanciare ufficialmente la Prima edizione di un premio per tesi di dottorato aperto a tutti i dottori di ricerca degli atenei italiani, proprio per dare evidenza di come, per l’Università di Padova e la sua Associazione Alumni, sia importante investire nei più alti livelli di formazione. Siamo grati a Corvallis Holding SpA per aver deciso di sostenere questo premio con una donazione»

«Tullio Levi Civita – queste le parole del Direttore del Dipartimento di Matematica dell’Università di Padova Bruno Chiarellotto – rappresenta un esempio di come una teoria matematica vista come “astratta” in un determinato periodo possa risultare, in seguito, la chiave di svolta per approcciare e risolvere problemi che trovano in tale teoria il loro habitat naturale. Se un tempo le teorie matematiche dovevano fornire la struttura alle intuizioni fisiche o ingegneristiche, oggigiorno, e Levi Civita ne è un esempio, vista la complessità delle problematiche, la struttura o teoria matematica deve essere predisposta in anticipo rispetto ai possibili modelli, anzi, anche senza una subitanea applicazione»