VITTORIO VENETO. Uscita dal traforo Sant’Augusta su via Carso. C’è l’ok del Ministero

53

Il ministero dell’Ambiente, con la determina ID 4003, ha escluso dalla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale il traforo di Sant’Augusta. Si chiude così una disputa lunga anni. L’uscita dal traforo su via Carso ha ora il via libera.

Il progetto prevede una barriera fonoassorbente lungo Via Carso, a protezione degli edifici scolastici. È prevista anche una pista ciclabile dalla parte del cimitero. Nel parere allegato alla delibera si legge che: “l’alternativa proposta di “uscita” su Via del Carso comporta opere strutturali molto meno impattanti rispetto a quelle previste nel precedente progetto, consente l’eliminazione di una galleria artificiale e di un ponte sul Fiume Meschio, con un minor uso del suolo, minori movimenti terra, minor invasività e una durata della fase di cantiere e una spesa notevolmente inferiori”.
Il parere della Commissione Ministeriale ha riscontrato puntualmente tutte le osservazioni fatte su questa soluzione progettuale osservando in particolare che tale proposta consente la diminuzione dell’impatto sull’abitato e sulla realtà consolidata di Via Rindola tramite l’allontanamento del tracciato che non corre più in fianco alle abitazioni ma se ne discosta il più possibile avvicinandosi al cimitero. Dal punto di vista urbanistico, lo scenario risulta meno impattante e comporta indotti di traffico su aree meno densamente popolate ed edificate. Dal punto di vista dell’impatto atmosferico invece, la soluzione proposta consente una leggera diminuzione globale.

L’opera ha infine avuto l’autorizzazione paesaggistica rilasciata dalla Regione Veneto, sentita la Soprintendenza.