TUBERCOLOSI. Altro caso. Colpita una maestra dell’infanzia di Monfumo

40

Un nuovo caso di tubercolosi in una maestra di una scuola dell’infanzia del Distretto Asolo. Si tratta di una 59enne, con una sintomatologia lieve, per la quale alcuni esami di laboratorio indicavano un contatto significativo con il bacillo di Koch. La ricerca di quest’ultimo è risultata negativa ma, a scopo precauzionale, la maestra è stata messa in terapia. I contatti stretti, una cinquantina tra ambito familiare, insegnanti e alunni, saranno sottoposti al test Mantoux.

Proseguono intanto, da parte dell’Ulss 2, le attività di approfondimento diagnostico nei confronti di alunni e personale della scuola primaria dell’opitergino mottense, dove si sono manifestati tre casi di tubercolosi a carico, rispettivamente, di un bambino e due maestre.
I tre casi attualmente accertati dell’Opitergino Mottense sono tutti in terapia: un bambino e una maestra a domicilio, un’altra insegnante presso il Reparto di Malattie Infettive dell’Ospedale di Treviso dov’è ricoverata: le sue condizioni sono in progressivo miglioramento.