TREVISO. Andrea Zanoni in piazza per il clima e stimolo a Zaia

299

“I cambiamenti climatici sono un’emergenza planetaria, ha ragione il presidente della Repubblica Mattarella quando afferma, come martedì scorso a Belluno, che siamo sull’orlo di una crisi globale mentre Zaia è rimasto in silenzio. Per questo oggi siamo in piazza a fianco dei tanti giovani che hanno promosso la manifestazione”. Andrea Zanoni, Consigliere regionale del Partito Democratico e Vicepresidente della Commissione Ambiente, conferma così la propria partecipazione alla ‘Marcia globale per il clima’ di Treviso (via Roma) e a quella di Montebelluna (piazza Dall’Armi), in occasione dello sciopero nato su iniziativa del movimento #fridaysforfuture, lanciato dalla 16enne attivista svedese Greta Thunberg. Una mobilitazione che coinvolgerà 98 Paesi e 1.325 città in tutto il mondo, 140 in Italia”. È una sfida da affrontare e vincere prima che sia troppo tardi. Finora è stato fatto ben poco ma è incoraggiante che a chiedere azioni incisive siano le giovani generazioni. È uno sciopero per il nostro e il loro futuro. “Come Partito Democratico stiamo da tempo spronando la Giunta Zaia ad agire, questa emergenza deve entrare a far parte anche dell’agenda politica regionale. Invece”, ha detto Zanoni, “ci troviamo ancora a fare i conti con l’ignoranza di chi si ostina a sostenere come i cambiamenti climatici siano fenomeni naturali e non dovuti all’azione antropica. Una posizione medievale, antiscientifica e inaccettabile nel Ventunesimo secolo, quando esperti e autorità mondiali hanno accertato le responsabilità dell’uomo”.