MONTEBELLUNA. Sportsystem e Circular Economy. Da Intesa Sanpaolo 300 milioni a Nordest

303

Presentato presso InifiniteArea il primo percorso sulla Circular Economy dedicato alle imprese del distretto dello sportsystem, in collaborazione con Intesa Sanpaolo. La banca ha stanziato un plafond di 5 miliardi, di cui 300 milioni per il Nordest, dedicato alla Circular Economy L’incontro si è tenuto presso InfiniteArea di Montebelluna sul programma pluriennale organizzato dall’Associazione dello Sportsystem e dell’Imprenditoria del Montebellunese ed Asolano sulla Circular Economy (CE). Nel suo intervento di benvenuto, il presidente dell’Associazione Bof ha sottolineato che questo programma rivolto alle aziende del territorio sull’Economia Circolare è uno dei principali filoni di sviluppo nei prossimi anni. Renzo Simonato, direttore regionale Veneto, Friuli VG e Trentino AA di Intesa Sanpaolo, ha confermato l’interesse del gruppo bancario a sostenere il precorso che le aziende vorranno intraprendere verso un modello industriale più circolare. In quest’ottica la Banca ha stanziato un plafond fino a 5 miliardi di euro per il periodo 2018-2021, di cui 300 milioni per il Nordest, con l’impegno di sostenere le aziende che adottano il modello circolare con modalità innovative. La banca vuole essere un ponte tra le imprese e i centri di ricerca e le università, al fine di aiutarle a trovare soluzioni che possano valorizzare l’economia distrettuale, che caratterizza il Triveneto. Marco Gratta, specialista per l’Innovazione di Intesa Sanpaolo, ha illustrato l’avvio di un percorso di incontri dedicati alle aziende dello sportsystem che vorranno aderire ad uno specifico assessment sulla CE applicata alla catena del valore, ovvero all’innovazione del modello di business.