AMBIENTE. Nel trevigiano utilizzate dalle 4000 alle 5000 tonnellate di pesticidi (anno 2017)

186

Il Consigliere regionale del Partito Democratico Andrea Zanoni, oggi ha depositato un’interrogazione sull’uso dei pesticidi alla Giunta Zaia, rivolta in particolare agli assessori all’Agricoltura e all’Ambiente.

“Secondo le rilevazioni Istat – spiega il Consigliere – la viticoltura è la coltivazione agricola dove si fa maggiore uso di pesticidi e ciò è particolarmente rilevante e preoccupante in Veneto e soprattutto nella provincia di Treviso, visto che il numero di terreni destinati al Prosecco è in continua espansione. Qua la superficie piantata a vite è passata dai 27.846,86 ettari del 2010 ai 40.229,96 del 2018, con un incremento di oltre il 44%”.

“Dai dati Arpav, continua Zanoni, emerge come nella Marca nel 2017 siano state vendute oltre 3.900 tonnellate di pesticidi ripartite tra 1.422 prodotti, il 35,02 per cento dei quali con effetti cronici, tossici o molto tossici per la salute; per Istat il totale ammonterebbe invece a quasi 5.000 tonnellate. Sono numeri impressionanti, che chiamano in causa Zaia e la sua Giunta: quali progetti sono stati avviati per ridurre i potenziali rischi per la salute, per la tutela dell’ambiente acquatico, le api e gli altri insetti impollinatori e quali sono stati i risultati? Sono stati avviati progetti per promuovere altri metodi di coltivazione, in modo da abbandonare la difesa integrata intensa che utilizza prodotti chimici?”.