TREVISO. Salvadori lascia la presidenza di un’Ascom rafforzata

42
Renato Salvadori con Vincenzo Monaco

A fine mese subentrerà alla carica di presidente Federico Capraro, già presidente di Federalberghi, che insieme al nuovo direttore Vincenzo Monaco, guiderà l’Associazione nel prossimo quinquennio. Questa mattina in conferenza stampa Renato Salvadori ha salutato tracciando una sintesi della sua presidenza in un’Ascom protagonista della vita sociale ed economica (e culturale) di Treviso e della Marca. Il commiato con la consegna delle ‘chiavi’ al successore è fissato al 29 marzo.

Treviso è la maggior associazione di rappresentanza del terziario che in provincia conta circa 9mila imprese, suddivise tra i 7 mandamenti che fanno capo a Treviso (ovvero Montebelluna, Asolo, Mogliano, Roncade, Valdobbiadene, Conegliano) ed i 3 autonomi di Vittorio Veneto, Oderzo, Castelfranco. A dicembre era andato in pensione lo storico direttore, Piero Tedesco, che ha fatto crescere l’associazione in servizi e numero di associati.
Renato Salvadori, imprenditore nel settore dei prodotti dell’agricoltura, entrato come presidente nel 1993, ha svolto una lunga carriera alla guida dell’associazione, interrompendola per il periodo della presidenza del Consiglio Comunale (2008-2014, anni della presidenza di Pomini) e ritornando come presidente nel 2014, per assicurare, alla data attuale, il necessario “cambio generazionale” e un’Associazione forte e salda per “affrontare i venti del cambiamento che muovono il futuro”.

Salvadori ha maturato, in questi due intensi decenni, varie esperienze, contribuendo a fondare il Consorzio di promozione turistica Marca Treviso (ora in Piazza Borsa, in Camera di Commercio), l’EbiCom (l’ente Bilaterale con le parti sociali, generatore di una contrattualistica d’avanguardia), la scuola di socio politica Partecipare Il Presente (che ad oggi conta 18 sigle associative) ed ha rappresentato la provincia di Treviso e la categoria per vari anni sia in Camera di Commercio che negli Organismi nazionali di Confcommercio. Nei suoi 70 anni di storia, l’associazione ha avuto tre presidenti: Gino Fantin, Guido Pomini e Renato Salvadori e solo cinque direttori, di cui l’ultimo, Vincenzo Monaco, appena arrivato dalla veneziana Vela spa, a gennaio 2019.