MONTEBELLUNA. Al San Valentino l’oculistica registra +25% di ricoveri e interventi

416

L’oculistica del San Valentino a Montebelluna è sempre più attrattiva. A dirlo sono i dati che spiegano come nel 2018, sull’anno precedente, si registra +25 e 30% su ricoveri e interventi totali.  L’inizio del 2019 dà continuità a questo trend di crescita dell’Unità Operativa Complessa di Oculistica diretta dal dr. Stefano Miorin.

L’UOC Oculistica di Montebelluna effettua attività di prevenzione, diagnosi e terapia, sia medica che chirurgica, delle varie patologie dell’occhio, collaborando con l’UOSD Chirurgia Ambulatoriale Oculistica di Castelfranco Veneto nell’ambito del Distretto di Asolo.
Si dedica con particolare riguardo a chirurgia delle patologie vitreoretiniche, della cataratta, del glaucoma e dello strabismo e screening, diagnosi e follow-up di ambliopia e strabismo, della degenerazione maculare legata all’età, delle altre patologie retiniche, del glaucoma.

“La sinergia con i colleghi di Treviso e Conegliano è una carta vincente – sostiene il dr. Stefano Miorin – come anche la piena collaborazione, nel Distretto di Asolo, con il dr. Tarciso Sibilla che guida la UOSD chirurgica ambulatoriale al San Giacomo di Castelfranco Veneto. Quello che abbiamo sviluppato nell’ultimo biennio è l’attività di gestione e soluzione dei casi più complessi come il distacco della retina. Abbiamo un organico che dimostra grande collaborazione per assicurare sempre una presenza anche nei giorni festivi. Voglio ringraziare di cuore tutte le professionalità in campo, da quelle mediche a quelle infermieristiche. Nello specifico gestiamo ricoveri in giornata nel Day surgery o di tipo ordinario per il tempo necessario per gli interventi più complessi”.