GODEGA S. URBANO. Oggi ultimo giorno dell’Antica Fiera. Ieri protagonista il cavallo

288

Ieri, secondo giorno dell’Antica Fiera, un boom inaspettato di afflussi, grazie anche alla bella giornata soleggiata.Tra gli eventi più emozionanti la rievocazione, nell’ambito della sezione “Guerra e Pace” del progetto “La mia Aula Grande come il Mondo del CAIPTR”, ideato e coordinato dalla docente Antonella De Rosso, di uno spaccato di vita quotidiana bellica durante la Prima Guerra Mondiale con l’allestimento di due campi, uno italiano e l’altro austriaco, e l’esposizione di reperti particolari come la forgia, un carretto di munizioni, un basto da mulo del 1918. Obiettivo del progetto, la valorizzazione della storia del Cavallo Agricolo da Tiro Pesante Rapido, chiamato anche Cavallo Artigliere, perché utilizzato, durante la Grande Guerra, per il traino di mezzi di artiglieria. Selezionato nella zona veneta nel 1860 per l’esercito Regio ed allevato nei Depositi degli Stalloni delle terre padane restò in dotazione dell’Esercito fino agli anni Trenta e via via sostituito dai mezzi meccanici. Fu in seguito utilizzato in agricoltura per circa un trentennio, finché la meccanizzazione agricola ebbe il sopravvento verso gli anni Sessanta. Oggi, lunedì 4 marzo, ultimo giorno di Antica Fiera con apertura fino alle 19. Proseguiranno per tutto il giorno le attività ludico-didattiche con gli asini di Asinomondo e con i cavalli: i pony del Centro Ippico Articolo V, pronti per il battesimo della sella, i cavalli da tiro pesante rapido di Ass. Attacchi CAI TPR, i purosangue spagnoli di Cavallo&Company. Tutte e tre le compagnie offriranno spettacoli equestri in diversi momenti della giornata.Tra le attrattive di quest’anno la Mostra degli Antichi Mestieri.