L’INTERVENTO. “Per la finanziaria è mancato il confronto con le forze sociali”

129

Con i precedenti Governi, in occasione delle riforme annunciate o delle leggi di Stabilità, il sindacato non si è mai sottratto dall’entrare nel merito dei provvedimenti adottati, criticando in maniera costruttiva ogniqualvolta lo abbia ritenuto indispensabile. Cgil, Cisl e Uil sono così riusciti a introdurre misure per gli esodati, per i lavoratori precoci, per i lavori usuranti. Hanno chiesto e ottenuto l’Ape social, l’opzione donna, il reddito di inclusione (prima che si parlasse di reddito di cittadinanza), misure a favore delle politiche attive, l’estensione della disoccupazione da 12 a 24 mesi, ma anche investimenti nell’industria 4.0, nella formazione professionale e nell’alternanza scuola lavoro.

Certo, misure ancora insufficienti per contrastare la povertà e la mancanza di lavoro, che insieme ad altri problemi come i tagli a scuola e sanità, l’aumento della burocrazia, il problema demografico e il debito pubblico, hanno mandato il nostro Paese negli ultimi posti di tutte le classifiche. Diciamocelo: complice finora è stata una politica legata al consenso immediato e incapace di avere una visione a lungo respiro. Tuttavia, il dialogo e il confronto con il sindacato e tutte le associazioni di categoria ha permesso di migliorare riforme che rischiavano di pesare ancora di più sui precari, sulle persone escluse dalla società, sui giovani, sui pensionati e sui lavoratori dipendenti.

Ciò che manca e che è mancato durante la fase di approvazione della manovra finanziaria da parte dell’attuale Governo, è stato il confronto con le parti sociali, che rappresentano milioni di lavoratori, giovani e pensionati in tutta Italia. Uomini e donne che hanno scelto di affidare al sindacato la tutela dei propri diritti, la contrattazione aziendale e sociale, l’impegno e la responsabilità nel migliorare le condizioni di lavoro e di vita dei cittadini. Noi siamo e rimarremo convinti che il nostro contributo e le proposte che raccolgono e rappresentano le istanze dei lavoratori e delle lavoratrici di questo Paese non possa che migliorare l’azione di governo.

I segnali di crisi e di recessione economica si si stanno evidenziando in tutta Europa, ma l’Italia rischia di pagare un’arretratezza per la scarsa produttività delle aziende, troppo legate a produzione a basso valore aggiunto e per la mancanza di una vera politica industriale: manca da tempo un piano energetico, servono investimenti infrastrutturali (reti stradali e ferroviarie, rete informatica, edilizia scolastica) e occorre insistere nel mettere risorse per l’innovazione tecnologica e la formazione continua. A questo proposito, siamo convinti che serva un piano straordinario di investimento per tutto il ciclo di studi: dalla scuola primaria fino al dopo università. Abbiamo bisogno di rilanciare il livello culturale e di conoscenze di uno dei Paesi, l’Italia, cha ha maggiormente contribuito a far crescere lo sviluppo negli ultimi 150 anni di storia.

Inoltre, insistiamo nel chiedere un piano di assunzioni nella pubblica amministrazione, nelle scuole, negli ospedali e nei servizi sociali, perché l’assenza cronica di personale sta riducendo la quantità e la qualità dei servizi al cittadino. Abbiamo la sensazione che quanto si scrive nelle leggi dello Stato o nelle riforme non corrisponda poi alla realtà del territorio. Un territorio sempre meno attrattivo, quello di Belluno e Treviso, dove giovani e meno giovani scelgono di emigrare anzichè prendere in considerazione le nuove opportunità legate alla dinamicità di nuove aziende industriali e del terziario e ad una economia agroalimentare e turistica ancora tutta da sviluppare ma dalle enormi potenzialità.

Non possiamo perdere ulteriore tempo. Quota 100 e il reddito di cittadinanza ora ci sono, ma molti temi sono da migliorare e da affrontare a partire dalla creazione del lavoro, senza la quale anche i migliori propositi di questo Governo non si potranno realizzare. Sabato 9 febbraio la passione per il sindacato e l’amore per questo Paese, troppe volte ingiustamente criticato, mobiliteranno migliaia di cittadini che saranno a Roma per una grande manifestazione sindacale a sostegno delle proposte di Cgil, Cisl e Uil per affrontare i problemi dell’Italia. Non sarà una protesta, non sarà contro, non sarà un’iniziativa politica: sarà una grande iniziativa sindacale, importante momento di partecipazione e di proposta costruttiva, di dialogo e di confronto, certi che la priorità sia quella rimettere al centro il lavoro.

Cinzia Bonan, Segretario generale Cisl Belluno Treviso
Rudy Roffarè, Segretario generale aggiunto Cisl Belluno Treviso