VENEZIA. Cinque appuntamenti con il jazz

211

Cinque appuntamenti a Venezia da febbraio a maggio per esplorare il jazz contemporaneo, con nuovi progetti di artisti italiani ed internazionali. È la terza edizione di “Jazz&”, firmata da Veneto Jazz e ospitata alle Sale Apollinee del Teatro La Fenice, con una tappa al Museo di Palazzo Grimani e una conclusione al T Fondaco dei Tedeschi.

Nel quarantesimo dalla sua scomparsa, sabato 9 febbraio (ore 19.00) alle Sale Apollinee,il progetto Quintorigo “play Mingus” propone una rilettura moderna ed affascinante di uno dei geni più innovativi del jazz moderno.  Charles Mingus (1922-1979) fu un autentico genio del jazz: compositore, direttore d’orchestra, contrabbassista, pianista, ha lasciato un’impronta indelebile nella storia della musica del ‘900. Nel live vengono suonati gli arrangiamenti in stile Quintorigo dei brani più celebri di Mingus, affiancati dalle letture di alcuni passi significativi della sua autobiografia. In scena Valentino Bianchi (sax), Gionata Costa (violoncello), Andrea Costa (violino) e Stefano Ricci (contrabasso).

Tra jazz e chanson francese, virtuosa e euforica la cantante francese Camille Bertault approda in duo sabato 16 febbraio (ore 19.00) alle Sale Apollinee.  Il potenziale canoro di Camille, dallo stile dolce, libero e sfrenato, porta con sé note di freschezza nell’universo del jazz in un modo del tutto accattivante: il suo è infatti uno stile musicale personalissimo fatto di ritmi e note frizzanti, ma soprattutto di parole che si riflettono nei suoi testi scanzonati.

Palazzo Grimani ospita sabato 2 marzo (ore 17.00 )il duo del chitarrista Reinier Baas e del sassofonista Ben van Gelder. Sotto un’apparente veste mainstream, firmano una musica imprevedibile e dal forte impatto, caratterizzata da atmosfere cangianti e da molteplici suggestioni, flirtando con vari generi e allo stesso tempo ricca di humor e cinematografica. L’approccio brioso di Baas alla chitarra è contagioso. Van Gelder è considerato a livello internazionale un’autorità del sassofono contralto.  I brani presenti in Smash Hits, il loro ultimo album, provengono dalla collaborazione con la prestigiosa Metropole Orkest, pluripremiata e storica formazione.

Sabato 16 marzo (ore 19.00), ancora alle Sale Apollinee, Gaia Cuatro, gruppo nato dall’incontro tra alcuni dei più talentuosi, creativi ed innovativi musicisti della scena jazz giapponese e argentina, esempio di come la musica riesca a creare legami anche tra mondi completamente diversi.Da una parte l’Argentina, un Paese che non è solo tango, ma che ha alle spalle una colorata varietà di ritmi tradizionali dalle appassionate armonie, in cui la poesia si fonde con la musica. Dall’altra il Giappone, dove la tradizione è estetica, eleganza, dove le forme sono ben definite e delicate, il tempo è rarefatto e la calma regna sovrana.  Il dialogo che nasce tra i musicisti di questo quartetto è incredibile: un caleidoscopio di colori ed emozioni.

La rassegna si conclude al T Fondaco dei Tedeschi, giovedì 23 maggio (ore 20.30, ingresso libero su prenotazione), con la trombonista israeliana Reut Regev,“un’irresistibile performer dotata di una prodigiosa tecnica” con un approccio “gioiosamente libero che abbraccia ogni aspetto conosciuto del trombone”.Il suo progettoReut Regev’s R*time, è frutto di 15 anni di collaborazione musicale con il marito batterista e co-compositore Igal Foni.
I concerti in programma saranno aperti dall’esibizione dei giovani talenti del jazz italiano, del progetto “Tomorrow’s Jazz”.

La rassegna “Jazz&” è organizzata da Veneto Jazz in collaborazione con Teatro La Fenice, Palazzo Grimani, T Fondaco dei Tedeschi, con il supporto di Regione del Veneto e Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il patrocinio della Città di Venezia. Media partner: Venezia News, Jazzit. Special partner: Splendid Venice Hotel.