MONTEBELLUNA. Disputa tra amministrazione e privati. Il Consiglio di Stato annulla la sospensiva del Tar. Prossima udienza ad ottobre

187

Risale alla fine dello scorso anno l’ordinanza del Consiglio di Stato con cui viene annullata la precedente sospensiva del Tar relativa ad una causa avanzata da due privati nei confronti del Comune di Montebelluna relativamente ad un diniego urbanistico.

In prima battuta, lo scorso settembre, il Tar aveva accolto il ricorso, ordinando la sospensiva e condannando l’amministrazione al pagamento di 1000 euro che hanno in seguito comportato una variazione di bilancio discussa ed approvata nel corso dell’ultimo consiglio comunale del 2018.

A fronte dell’ordinanza del Tar, il Comune decideva di ricorrere in appello al Consiglio di Stato, supportato in difesa dall’avvocato Rizzardo Del Giudice, chiedendo l’annullamento della sospensiva per una serie di ragioni tra le quali quella per cui l’altezza dell’immobile sarebbe superiore a quella massima ammessa, il mancato rispetto della distanza minima dalla pubblica strada prevista dalla normativa, la carenza di spazi a parcheggio ed il mancato rispetto dell’abbattimento delle barriere architettoniche.

La richiesta del Comune è stata accolta dal Consiglio di Stato con ordinanza dello scorso dicembre che ha annullato la sospensiva e bloccato il proseguo dei lavori demandando la discussione al Tar durante la prossima udienza prevista per il 24 ottobre.