CENEDA. Sabato inizia la sagra di San Tiziano.

76

Il 5 gennaio, a Ceneda di Vittorio Veneto, si apre l’Antica Sagra di San Tiziano. Un appuntamento che si rinnova di anno in anno grazie alla collaborazione tra l’associazione Insieme per Ceneda e i vari gruppi di volontari della parrocchia della Cattedrale (pesca di beneficenza, presepio artistico, concorso presepi, animatori della Cattedrale) e il Gruppo Marciatori Domo.

LA PESCA DI BENEFICENZA. Come tradizione, ad aprire anche l’edizione 2019 della sagra sarà la pesca di beneficenza curata dall’omonimo gruppo parrocchiale capitanato dalla 91enne Francesca Meneghin. Giunta alla sua 26esima edizione, il suo ricavato in tutti questi anni ha contribuito all’ammodernamento dello stabile del patronato Costantini – Fiorentini di Ceneda, sostenendo di recente i costi per i nuovi infissi (porte e finestre) e l’arredo della nuova cucina realizzata all’interno del patronato. E anche quest’anno, la pesca dedicherà il suo ricavato a questo luogo di aggregazione per i giovani della parrocchia. Una trentina di volontari, la gran parte anziani, lavora tutto l’anno per la buona riuscita dell’evento. «Quest’anno abbiamo ben 7.500 premi in palio, di cui 1.150 rossi, cioè di valore”, racconta l’infaticabile Francesca Meneghin. L’inaugurazione della pesca è fissata per sabato 5 gennaio alle 15. La pesca rimarrà aperta fino al 20 gennaio, dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 18.30, il sabato dalle 15 alle 20 e la domenica e nei giorni festivi dalle 8.30 alle 20.

LA MARCIA. Domenica 6 gennaio alle 9 da piazza Giovanni Paolo I il via della 44^ storica Marcia del Freddo. Alla regia il Gruppo Marciatori Domo. L’evento, dopo un anno di stop, ritorno a scandire la mattina dell’Epifania così come avviene dal 1974. La manifestazione podistica non competitiva sulle distanze di 5 o 13 km attraverserà le colline vittoriesi.

IN PIAZZA. Da venerdì 11 gennaio piazza Giovanni Paolo I si animerà con le giostre: una ventina le attrazioni per grandi e piccini che animeranno il cuore di Ceneda fino al 20 gennaio. Sempre in piazza sarà attivo il 12, 13, 16 gennaio (giorno di San Tiziano) e poi ancora il 19 e 20 gennaio il chiosco per un caldo ristoro con tè caldo, vin brûlé e panini. È curato dai giovani volontari della parrocchia.

LE CELEBRAZIONI. Le celebrazioni religiose in onore del patrono si apriranno in Cattedrale la vigilia della ricorrenza. Martedì 15 gennaio alle 18, nella cripta, i vespri solenni presieduti dal vescovo Corrado Pizziolo e con la partecipazione dei sacerdoti della forania. Mercoledì 16 gennaio, festa di San Tiziano, alle 10 il solenne pontificale presieduto da monsignor Pizziolo, mentre alle 15 e alle 18.30 in cripta le messe. Domenica 20 gennaio, alle 15.30, la messa solenne con tutti i cori della diocesi presieduta dal Vescovo.

IN CATTEDRALE. Nella storica sede della Confraternita dei Cappati del Santissimo Sacramento, all’interno della chiesa, è possibile visitare il presepe artistico realizzato dalla parrocchia. E in tema di presepi, domenica 20 gennaio nel corso della messa delle 10 saranno premiate le famiglie che hanno partecipato al concorso dei presepi.