MONTEBELLUNA. Al Me.Ve da sabato una mostra su El Alamain

392
Villa Pisani Montebelluna

“El Alamain 1942 italiani in guerra sul fronte nordafricano”, un’interessantissima ed originale mostra fotografica già esposta con successo a Venezia presso palazzo Ferro Fini, ora al Meve di Montebelluna. Da sabato 22 dicembre al 3 marzo 2019. Le immagini che costituiscono il cuore della mostra ripercorrono le vicende belliche e umane, in particolare italiane, che hanno interessato questo settore del Nord Africa nel corso della seconda guerra mondiale. La mostra è stata curata da Aldino Bondesan e Toni Vendrame e realizzata da SIGGMI – Società Italiana di Geografia e Geologia Militare e dall’Università degli Studi di Padova, Dipartimento di scienze storiche, geografiche e dell’antichità, che l’ha patrocinata, e in collaborazione con il Commissariato generale per le onoranze ai caduti.
Le fotografie provengono dall’Archivio Centrale dello Stato, dall’Ufficio storico dello Stato Maggiore dell’Esercito, dall’archivio del Progetto El Alamein e dall’Imperial War Musemum. Il suo curatore Aldino Bondesan, docente presso l’Università di Padova, sarà ospite del MEVE per la presentazione della mostra e dei suoi contenuti venerdì 25 gennaio ore 20.30. La serata prevede la presentazione e una visita guidata d’eccezione alla mostra.
Per il Meve si tratta della seconda mostra dopo “Mappe in guerra: Il fronte del Piave e del Grappa nella cartografia militare”, curata da Francesco Ferrarese e Aldino Bondesan.

La memoria di El Alamain è particolarmente richiamata da monumenti e targhe nelle caserme dei carristi. Il 132° Rgt Carri di Aviano aveva, forse ha ancora, un monumento al carrista, costituito da uno dei piccoli, veloci e micidiali carri armati dell’esercito italiano ad El Alamain.