TREVISO. Collegio Pio X e Centro Prometeo: il bello della matematica

534

Questa mattina è stata formalmente sottoscritta la convenzione di collaborazione ad ampio spettro tra il Centro di ricerca e innovazione Prometeo di Venezia e il Collegio Pio X di Borgo Cavour, Treviso. La collaborazione dura già da alcuni anni sul solco della matematica creativa, insegnamento già da due anni  opzionale per gli studenti del Pio X e che da quest’anno è diventato curriculare nella prima classe del Liceo scientifico ordinario e del Liceo scientifico quadriennale. L’insegnante del Collegio viene affiancato da Valentina Lovo, specialista creativo in questo progetto didattico-formativo e ricercatrice al Centro Sperimentale Prometeo.
L’ideazione è stata del prof. Gianni Mazzonetto, docente di geometria per il Design all’Università IUAV di Venezia, presidente del Comitato Scientifico di Prometeo e direttore del dipartimento di matematica e fisica al Collegio Pio X di Treviso. Il Collegio Pio X ha accolto la proposta come una sfida e, dopo i risultati e le manifestazioni di entusiasmo degli studenti, l’ha portata tra le ore di insegnamento curriculare nei due licei: dall’Università al liceo del Pio X.
La matematica creativa presuppone la disponibilità del computer o tablet e competenze native nell’uso dei vari programmi e diventa strumento semplice per la progettazione e modellizzazione digitale di oggetti, prodotti e processi. Gli studenti vengono infatti accompagnati a ideare centinaia di oggetti possibili con l’applicazione di poche formule matematiche. Studenti liceali hanno già realizzato dei prototipi digitali di possibili prodotti del manifatturiero (anche brevettati), confermando che con facilità e ad un ritmo di apprendimento soggettivo anticipano le competenze anche più avanzate, mettendole in uso già dalla prima liceo.
Questa mattina l’intero progetto è stato presentato alla stampa (nella foto) con la presenza di mons. Ferruccio Bonomo rettore del Collegio Pio X, il prof. Medardo Chiapponi preside del Dipartimento di Disegno industriale allo IUAV e presidente della Società Italiana Design, il dott. Lamberto Iezzi presidente del Centro Ricerca Prometeo, il prof. Gianni Mazzonetto direttore del dipartimento di matematica e fisica al Collegio Pio X e il prof. Simone Ferraro preside della Scuola Secondaria del Pio X.
Alla presentazione hanno partecipato anche tre studenti della Quinta Liceo scientifico: Claudia Di Mauro, Federico Cervi e Jacopo Prior. Ognuno di loro ha proiettato la parte grafica e le relative formule matematiche dei progetti cui stanno lavorando: Claudia, giovane tennista, una racchetta da tennis con la possibilità, al variare semplice di una componente matematica, di modificare assetto e dati tecnici della racchetta, Federico un’auto sportiva partendo da due modelli a lui cari e Jacopo un drone (foto) per la consegna di pacchi.
Certo, la matematica diventa anche passione e divertimento, e soprattutto, per il mondo degli adulti, anche una leva dell’innovazione di prodotto per le fabbriche del manifatturiero. Il Centro Prometeo, infatti, ha stabilito e accrescerà relazioni con società leader di settore.