CONEGLIANO. ULSS e volontari uniscono le forze per un Centro Sollievo

202

Trovare persone disponibili a collaborare per un Centro Sollievo a Conegliano: questo l’obiettivo dell’incontro in programma martedì 11 dicembre 2018, alle ore 20.30 presso la Parrocchia di S. Martino a Conegliano. L’evento è organizzato dall’ULSS 2 Distretto Pieve di Soligo, in collaborazione con il Comune di Conegliano e la rete associativa che sostiene il progetto di sviluppo di queste esperienze nel nostro territorio.

Il Centro Sollievo è un luogo in cui le persone con diagnosi di declino cognitivo lieve e/o moderato possono prolungare il tempo della buona salute e della buona memoria grazie a dei laboratori e al confronto con gli altri. Semplice nella sua struttura, esso funziona grazie a una rete di supporto prevalentemente di volontari che garantisce qualità e sicurezza agli ospiti e familiari, con l’obiettivo di accompagnare e valorizzare le abilità residue della persona e dare un po’ di sollievo alla famiglia.

L’Ulss2, Distretto Pieve di Soligo, in collaborazione con il Coordinamento delle Associazioni di Volontariato Sinistra Piave, l’Amministrazione Comunale di Conegliano, le Associazioni Famigliari Alzheimer, Medi@età, Fabrizio Viezzer e CON.t.e.a., sezione Anteas di Conegliano sta attivando il Progetto Fare rete per i Centri Sollievo, per dare vita a una proposta di sollievo a persone affette da demenza nel territorio dell’area coneglianese. Il progetto, finanziato dalla Regione Veneto.

Attualmente del Distretto Pieve di Soligo sono attivi sei Centri di Sollievo: a Farra di Soligo è sostenuto dall’Associazione “Fabrizio Viezzer” fin dal 2014; a Godega S.Urbano e a Cappella Maggiore sono attivi 2 Centri dal 2015, mentre a Codognè è attivo dal 2016, tutti sostenuti dall’Associazione Medi@età. Nel 2018 sono stati attivati: il Centro Sollievo di Susegana a cura dell’Associazione “Famigliari Alzheimer” e il Centro Sollievo di Revine Lago a cura dell’AssociazioneMedi@età.