VITTORIO VENETO. All’ospedale approda l’estetica oncologica

43

Ridurre alcuni degli effetti collaterali di chemio e radioterapia e aiutare le donne alle prese con terapie invasive a recuperare la propria immagine corporea. Questi gli obiettivi del nuovo progetto che vede approdare l’estetica oncologica nel reparto dell’ospedale di Vittorio Veneto diretto dal dottor Luigi Salvagno.

Importanti iniziative di umanizzazione realizzate nell’ultimo periodo nel nosocomio di Costa. La prima ha visto l’installazione, poche settimane fa, dei caschetti refrigeranti per prevenire la caduta dei capelli nelle donne in trattamento chemioterapico. L’altra iniziativa, messa a punto con l’Istituto d’Arte vedrà invece, a breve, le pareti del Reparto abbellite dalle opere degli studenti del Munari. E l’ultima l’inserimento dell’estetista per le donne oncologiche.
“Il progetto -spiega il dottor Luigi Salvagno– prevede la creazione di piccoli gruppi di donne in chemioterapia o terapia ormonale: i gruppi saranno coinvolti in un percorso nel cui ambito un’équipe costituita da oncologo, psiconcologo estetista e visagista affronterà, in prima istanza, il tema dell’immagine corporea e delle modifiche dovute alla malattia. Seguiranno altri due incontri nel corso dei quali estetiste e visagiste insegneranno alle pazienti l’utilizzo del trucco per ridurre gli effetti delle terapie. Sono previsti, inoltre, massaggi e tecniche di rilassamento”.