BONUS ACQUA. Domande prorogate al 31 dicembre

503
Prorogato fino al 31 dicembre il termine per presentare la richiesta di compensazione della spesa per le utenze domestiche. È stato deciso nel corso dell’incontro di ieri, venerdì 23 novembre, tra CGIL, CISL e UIL provinciali e il Consiglio di bacino Veneto Orientale, il Consorzio Alto Trevigiano Servizi e Piave Servizi, dando così a potenziali 3mila utenti economicamente deboli residenti in provincia – famiglie con un Isee fino a 15mila euro o 20mila euro se con almeno 4 figli – la possibilità di ottenere un bonus acqua, variabile tra i 30 e i 40 euro a seconda del numero di domande presentate.

LA DOMANDA

Nell’ultimo triennio le domande di bonus sono passate dalle 3.894 del 2015, a 5.767 nel 2016 fino alle 6.059 dello scorso anno. Per i Sindacati, visto questo positivo trend, era doveroso dare la possibilità alle famiglie di avere più tempo, ovvero fino al 31 dicembre, per presentare la domanda. Domanda che deve essere necessariamente corredata dalla certificazione Isee , per la quale ci si può recare al Caf. Anche per il 2018 Consiglio di bacino Veneto Orientale, il Consorzio Alto Trevigiano Servizi e Piave Servizi hanno messo a disposizione un fondo pari a 200mila euro per quelle che vengono definite domande di compensazione della spesa.