Trevisopress

Martedì
16 Gennaio
  • Login
  • Registrati
    Registrazione
    *
    *
    *
    *
    *
    I campi con asterisco (*) sono obbligatori
    Captcha plugin for Joomla from Outsource Online
     
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

FONTE ALTO. Il pranzo dei popoli

smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

alt8 GENNAIO 2018. «E’ necessario cambiare lo sguardo su queste persone come ci ha detto il Papa. Dobbiamo cercare di vedere quello che possiamo recuperare dalla loro presenza in termini umani, culturali e religiosi. Altrimenti rischiamo di rimanere schiavi delle nostre paure». Mons. Adriano Cevolotto, vicario generale della diocesi di Treviso è intervenuto oggi domenica 7 gennaio al pranzo “Natale dei popoli” nella sede del Centro di Formazione professionale (Cfp) Opera Monte Grappa di Fonte Alto. Ad organizzarlo lo stesso Cfp, la Caritas del Vicariato di Asolo e il consorzio  “Restituire” di Treviso in collaborazione con le cooperative “Orchidea” di Montebelluna e “Pastelli” di Camposampiero (Padova). Presenti centoventi persone tra cui una quarantina di immigrati, operatori e volontari della cooperativa e della Caritas, alcuni sacerdoti, volontari delle parrocchie di Maser, Asolo, Onè, Monfumo e dei gruppi missionari.  «Proprio ieri in cattedrale -ha continuato mons. Cevolotto- a Treviso abbiamo celebrato l’Epifania, la festa dei popoli. Abbiamo vissuto la manifestazione di una condivisione di fede. Oggi qui celebriamo una condivisione nell’umanità, nella cura di queste persone».

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Seguici su Facebook
Visita il nostro canale YouTube