Trevisopress

Lunedì
20 Novembre
  • Login
  • Registrati
    Registrazione
    *
    *
    *
    *
    *
    I campi con asterisco (*) sono obbligatori
    Captcha plugin for Joomla from Outsource Online
     
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

ODERZO. Novità per l'occupazione di aree pubbliche

smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

alt28 SETTEMBRE 2017. Novità per chi occupa spazi ed aree pubbliche nel Comune di Oderzo. Il consiglio comunale ha approvato ieri sera l'aggiornamento del Regolamento comunale riguardante l'occupazione di spazi ed aree pubbliche e la relativa tassa, la cosiddetta Tosap (tassa occupazione suolo pubblico). Due le novità principali che saranno introdotte a partire dal prossimo anno e che rispondono alle linee programmatiche introdotte dall'amministrazione comunale volte alla promozione di eventi culturali, sportivi, turistici e ricreativi e all'introduzione di agevolazioni sulla Tosap per bar e attività di ristorazione all'aperto ed in occasione di eventi di rilievo culturale e turistico.

La prima prevede la riduzione delle tariffe per i cosiddetti plateatici e cioè per le occupazioni realizzate da pubblici esercizi quali bar, ristoranti, pizzerie, gelaterie e simili. 

La tariffazione, lo ricordiamo, varia in base alle fasce territoriali, diminuendo man mano che dal centro di Oderzo ci si sposta verso la periferia. Il nuovo regolamento prevede una riduzione del 25% sulla tariffa indipendentemetne dalla fascia territoriale di appartenenza.

La seconda novità – anche'essa valida dal 1° gennaio – riguarderà alcune esenzioni. In particolare con il nuovo Regolamento sono ora ritenuti esenti dal pagamento della Tosap le occupazioni che rivestono carattere di rilevante pubblico interesse comunale riconosciuto dalla Giunta anche a carattere generale. Rientrano in questa categorie le manifestazioni patrocinate dal Comune. Per questo tipo di manifestazioni sono esenti anche le aree in cui viene posta in essere attività di vendita o di somministrazione di alimenti e bevande, per la durata massima di 15 giorni consecutivi.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Seguici su Facebook
Visita il nostro canale YouTube